Quando Sposarsi

La stagione migliore per Sposarsi

La stagione

Le stagioni preferite per la celebrazione del matrimonio sono indubbiamente la primavera e l’autunno. Tali periodi sono i più richiesti dell’anno soprattutto in virtù della caratteristica clemenza del tempo, decisamente più mite rispetto alle altre stagioni. Tuttavia, negli ultimi tempi, sono sempre di più le coppie che scelgono di fissare la data del proprio matrimonio in inverno, specie in prossimità delle feste Natalizie, che conferiscono alle nozze quella particolare atmosfera tipica di tale festività, rendendo, da una parte, ancor più suggestiva una giornata tanto importante come quella del matrimonio e, dall’altra, poiché in questo modo si ha la possibilità di usufruire delle ferie per una luna di miele più lunga.


Il mese
Se la coppia è di religione Cattolica e, pertanto, decide di celebrare il proprio matrimonio in Chiesa, in teoria sarebbero banditi i periodi dell’Avvento e della Quaresima, ovvero, gli spazi di tempo precedenti al Santo Natale ed alla domenica di Pasqua. Qualora gli sposi religiosi, per motivi strettamente personali, decidessero comunque di sposarsi in tali periodi, il tono della cerimonia nuziale dovrà essere obbligatoriamente più sobrio e discreto.


Il giorno

Una volta, soprattutto le coppie religiose, decidevano di celebrare le proprie nozze di domenica che, secondo il Cattolicesimo, corrisponde alla giornata del Signore. Tuttavia, proprio per questo motivo, molte diocesi impongono, per ragioni di ordine ecclesiastico, che la Santa Messa domenicale sia riservata esclusivamente all’assemblea dei fedeli e, pertanto, che non possa comprendere la celebrazione del rito nuziale. Di conseguenza, la seconda scelta cade necessariamente sul sabato che, essendo il giorno precedente alla domenica, permette a sposi ed invitati di riposarsi il giorno successivo (cosa che costituisce un grande vantaggio soprattutto per chi arriva da lontano). Per lo stesso motivo, molto richiesto anche il giovedì, che consente di riposarsi il venerdì per poi partire il giorno dopo per la tanto agognata luna di miele. Attualmente, per la difficoltà a far combaciare le varie fasi relative alle nozze (celebrazione in Chiesa o in municipio, ricevimento al ristorante, ecc...) molte coppie scelgono di sposarsi di lunedì o di mercoledì, specie in alcuni mesi dell’anno, come maggio, giugno e settembre.
Restano ancora banditi dalla superstizione, soprattutto nelle regioni del Sud Italia, il martedì ed il venerdì, in ossequio all’antica credenza popolare secondo la quale “di venere e di marte né si sposa né si parte”. Secondo la mitologia, infatti, il primo corrisponderebbe al dio della guerra, Marte, ed il secondo alla nascita degli spiriti maligni.


L’ora

Il galateo non impone regole particolari riguardo all’orario per la celebrazione del rito nuziale. Tuttavia, a seconda del momento della giornata prescelto, dovrà necessariamente cambiare il tono del matrimonio e dei relativi festeggiamenti, approssimativamente nel modo che segue:

  • Ore 09.00 -.10.00: se la cerimonia nuziale avviene in questo orario, molto mattutino, per il ricevimento è meglio preferire un breakfast od un brunch, ovvero una soluzione che permetta di terminare i festeggiamenti prima dell’ora di pranzo. Più formale ed elegante, in alternativa, la scelta del cocktail;
  • Ore 11.00 - 12.00: matrimoni celebrati in questo orario impongono pranzi o rinfreschi a buffet di una certa importanza;
  • Ore 14.00 - 16.00: poco usuale ma indubbiamente chic, dopo cerimonie di questo tipo gli invitati possono essere intrattenuti con un breve rinfresco, magari a base di thè o di cioccolata calda, accompagnati da frutta di stagione o dolci caratteristici del luogo. Il rinfresco, in questi casi, dovrà terminare entro le ore 19.00, per poi proseguire la serata, eventualmente, in discoteca o in una sala da ballo insieme a parenti ed amici.;
  • Ore 16.00 - 18.00: in questi casi, di solito, al rito nuziale segue un rinfresco od una cena, che terminerà quindi in un’allegra serata danzante, con l’intermezzo, molto elegante, di un cocktail;
  • Ore 18.30 - 21.00: orario ideale per le cerimonie estive, può essere seguito da un cocktail o da un rinfresco, da terminare, possibilmente, entro la mezzanotte, per proseguire quindi la serata in discoteca con i parenti e gli amici più intimi.

 
 
 
 
 

Articoli

 

Ti Piace vetrine