Addobbi Floreali

Gli addobbi floreali - Per la Chiesa e il Ricevimento

Che il matrimonio venga celebrato in Chiesa o in municipio, gli addobbi floreali rappresentano un elemento decorativo indispensabile. Se si desidera ottenere un buon risultato, occorrerà rivolgersi ad un professionista serio: il fiorista, prima di ipotizzare qualsiasi soluzione al riguardo, deve essere informato in modo dettagliato delle caratteristiche del luogo e, se possibile, recarvisi personalmente. Così facendo, potrà rendersi conto di quale decorazione è più adeguata all’ambiente, in modo tale da evidenziarne le caratteristiche architettoniche ed i giochi di luce. Il fiorista, inoltre, deve essere informato sul numero degli invitati, dei gusti personali dei futuri coniugi e delle caratteristiche dell’abito della sposa. Ovviamente, la scelta dipenderà anche dalla disponibilità economica della coppia.

Generalmente, il fiorista scelto per la cerimonia si occupa anche dell’addobbo floreale del ricevimento. Spesso, le stesse decorazioni presenti durante il rito vengono realizzate in modo tale da poter essere comodamente rimosse e spostate nel luogo scelto per il ricevimento. In questo caso, ad occuparsi del trasferimento possono essere sia parenti ed amici degli sposi che il fiorista stesso. Questa soluzione, visto il prezzo molto elevato degli addobbi floreali, è indubbiamente una scelta economica, che permette di abbattere parte dei costi evitando inutili sprechi. Tuttavia, occorre sottolineare che se il matrimonio è stato celebrato in Chiesa, un minimo di discrezione è fondamentale: i fiori posti sull’altare non devono essere rimossi (a meno che non sia lo stesso parroco a richiederlo). Possono invece essere utilizzate tranquillamente le composizioni sistemate sulla balaustra che divide la zona riservata ai fedeli da quella destinata agli officianti e quelle disposte sulla navata centrale. I mazzetti di fiori o le decorazioni presenti sui vari banchi generalmente vengono portati via dagli stessi invitati, per poter essere conservati come ricordo del matrimonio (facendoli opportunamente seccare).

Il fiorista, nella scelta e nella disposizione degli addobbi, deve tenere conto di alcune regole generali riguardo a:

  • stile architettonico;
  • volumetria;
  • giochi di luce


Un ambiente piccolo, che dovrà però accogliere molti invitati, non deve mai traboccare di fiori: le decorazioni dovranno ridursi a pochi punti di colore collocati nei posti giusti. In questi casi, è assolutamente sconsigliata la scelta di fiori dal profumo particolarmente forte. Un ambiente molto spazioso, a prescindere dal numero degli invitati, richiede invece un grande numero di fiori, quando non addirittura alcune piante verdi (possono essere affittate presso alcuni fioristi).
I luoghi moderni prediligono le composizioni semplici e stilizzate, quelli più antichi richiedono gli addobbi floreali classici.
Per quanto riguarda i colori, le tonalità più richieste sono quelle tenui, soprattutto il bianco e le tinte pastello. I fiori più colorati e vivaci sono adatti solo in situazioni particolari, specie in campagna. In ogni caso, i colori devono sempre essere scelti in base ai giochi di luce dell’ambiente e all’abito della sposa.


Curiosità.

Si possono realizzare composizioni affascinanti ed originali inserendo, tra i fiori, abbinamenti di frutta, seguendo lo stampo rinascimentale.
Se il matrimonio si celebra all’inizio dell’estate, la presenza di spighe di grano è considerata di buon auspicio.

I girasoli sono fiori molto amati, soprattutto dalle giovani donne: alcune spose li scelgono per il giorno delle nozze, ma sono consigliati solo se la cerimonia viene celebrata in un luogo rustico, seguita da un rinfresco del medesimo tono. Il velo della sposa può essere ornato o addirittura sostituito da verde riempitivo come, ad esempio, l’eucalipto (dalla fragranza particolarmente gradevole) oppure da un’edera screziata o da rami di piante di ficus o di felci.

 
 
 
 
 

Articoli

 

Ti Piace vetrine